Le offerte le scegli tu! Segnalaci nuovi possibili partner e contribuirai ad ampliare il ventaglio delle offerte di IoStudio!  vai >>

Voli, hotel, traghetti, stampe digitali, corsi di lingue: scopri le nuove offerte di IoStudio   vai >>

Tecnologia:  entra nella tua Area Riservata e scopri le nuove offerte dedicate a te!   vai >>

 

 

Disciplina e organo di garanzia

Una delle più grandi innovazioni dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti è l'introduzione di strumenti di tutela: è stato infatti istituito l'Organo di Garanzia - uno interno ad ogni istituto ed uno regionale - che ha il compito di controllare l'effettivo rispetto dello Statuto e la conformità ad esso dei Regolamenti d'Istituto, oltre a quello di dirimere le controversie. Le sanzioni più gravi non possono essere decise arbitrariamente, ma devono sempre essere stabilite da un organo collegiale e non possono più essere decise arbitrariamente. La pena va comminata seguendo una finalità educativa tesa a far comprendere l'errore e ad evitare che sia nuovamente commesso in futuro: a questa esigenza rispondono meglio le sanzioni "alternative". Definire diritti e doveri degli studenti e istituire un organo di garanzia è un segno di volontà democratica e di coerenza pedagogica, in quanto si cerca di promuovere credibilità educativa e condivisione sociale delle responsabilità, dei processi e degli esiti.

Il Regolamento di modifica dello Statuto (D.P.R. 235/07) ha meglio definito, anche se non rigidamente, la composizione dell’Organo di Garanzia interno al singolo istituto scolastico. Esso è presieduto dal Dirigente scolastico e, di norma, è così composto:
  • per la scuola secondaria di II grado: un docente designato dal consiglio d’istituto, un rappresentante eletto dagli studenti e un rappresentante dei genitori;
  • per la scuola secondaria di I grado: un docente designato dal consiglio di istituto e due rappresentanti eletti dai genitori
I regolamenti d’istituto dovranno pertanto precisare, al proposito, la composizione dell'organo di Garanzia e il suo funzionamento.

Il comma 3 dell’art. 5 modifica l’ulteriore fase di impugnazione: la competenza a decidere sui reclami contro le violazioni dello Statuto, già prevista dal D.P.R. 249/98, viene attribuita al Direttore dell’Ufficio scolastico regionale. Detto organo, presieduto dal Direttore dell’Ufficio scolastico regionale o da un suo delegato, è di norma così composto:
  • per la scuola secondaria di II grado: due studenti designati dal Coordinamento regionale delle Consulte provinciali degli Studenti, tre docenti e un genitore designati nell’ambito della comunità scolastica regionale;
  • per la scuola secondaria di I grado, in luogo di studenti sono designati altri due genitori.

Il valore dello Statuto si realizza anche in questi strumenti di tutela e di garanzia propri di un sistema democratico e  fondamentali per la partecipazione attiva della cittadinanza studentesca.